ASTA INVERSA

l’asta a ribasso che ti tenta

www.astereverse.com ha in palio il Rolex Submariner Date 1,00 euro ! Scadenza ore 19.00 del 26/02/2018

Rolex Submariner Date

Rolex Submariner Date

 

http://www.astereverse.com ha in palio il Rolex Submariner Date 1,00 euro ! Scadenza ore 19.00 del 26/02/2018.

 

Registrati subito e ricevi 2,00 euro omaggio e la PRIMA RICARICA VALE DOPPIA.

Promozione Speciale di questo mese: Ricarica almeno 300,00 Euro e ricevi il TRIPLO !

Submariner Date in acciaio e oro giallo. Il nuovo submariner l’evoluzione del mito poichè si parla di un orologio che èstoria. Nacque nel 1953, era il famosissimo Submariner “James Bond”6204 misurava 37 mmed aveva il vetro plexy indossato da James Bond in numerosi film. Il RolexSubmariner ha dato prova delle sue capacità in occasione di immersionioceaniche e nelle spedizioni in Antartide, dove ha superato indenne temperaturedi -45°Cè certificato per 300m di profondità e per resistere a pressioni elevate. Nelcorso degli anni si è evoluto,ingrandito,rafforzato senza perdere però ilfascino che lo denomina. Andiamo a vedere le caratteristiche principali delnuovo Submariner: Movimento meccanico a carica automatica calibro 3135 diproduzione Rolex con certificazione COSC e spirale Parachrom costuditoall’interno di una cassa di 40mm particolarmente resistente ad urti ed alle carichemagnetiche. La cassa  è provvista di unanuova lunetta girevole unidirezionale con disco in Cerachrom con un sistema diregolazione e blocco di 120 ingranaggi. Novità anche per il bracciale che montail nuovo fermaglio Glidelock. Invariate le funzioni dell’orologio:ore, minutisecondi e datario con bulbo d’ingrandimento posizionato alle ore 3. Sul rehautdel quadrante ancora presente l’incisione Rolex, tentativo di combattere il mondo dei falsi.

Huawei Mate 10 Pro

Huawei Mate 10 Pro è un phablet Android (Oreo) top di gamma che merita la giusta attenzione. Costa circa la metà di un Galaxy S9+ e riserva specifiche tecniche davvero notevoli. Trattandosi di un top di gamma del terzo produttore di smartphone al mondo, non bisogna stupirsi di una scheda tecnica di alto livello. Parliamo di un device con un display AMOLED da 6 pollici con supporto all’HDR, formato in 18:9, cornici molto sottili e una risoluzione Full HD+ di 2160 x 1080 pixel. Android 8.0, un processore octa-core, un’enorme batteria da 4000 mAh, 6 GB di RAM, supporto dual-SIM, resistenza alla polvere e all’acqua (IP 67), registrazione video 4K. Una scheda tecnica di tutto rispetto per un phablet che non a caso alla sua uscita costava ben 849 euro. La connessione USB-C è adibita sia alla ricarica, sia alla connessione con eventuali cuffie/auricolari dotati di questo connettore. Fortunatamente Huawei fornisce nella confezione un adattatore da 3,5 mm a USB-C. Punto di forza di questo device è la batteria, molto capiente, e su questo versante il Mate 10 Pro certo non delude. Dura più a lungo della maggior parte dei top di gamma oggi sul mercato (giusto alcuni modelli di Lenovo riescono a far meglio) e la stessa ricarica rapida impiega davvero pochissimo a raggiungere il 50%. Infine, l’uso complessivo dell’interfaccia di Android Oreo è abbastanza familiare e scorrevole.

Tv Panasonic EZ1000

Panasonic TX-65EZ1000 è un televisore OLED Ultra HD. Elemento senz’altro caratterizzante è rappresentato dalla soundbar in dotazione, progettata per agganciarsi al piedistallo nascondendo in esso qualsiasi filo e poggiare sul medesimo piano del piedistallo. La soundbar pareggia esattamente la larghezza del pannello testimoniando anche qui un effetto stilistico gradevole. Standard, seppur ampia, la connettività: 4 HDMI, 3 USB, slot SD, doppio slot per CAM, Common Interface, tuner DVB-T2 e DVB-S2, uscita digitale ottica, jack per le cuffie e porta Ethernet, oltre al Wi-Fi integrato. Le app disponibili per questa piattaforma non sono però tantissime e di alcune si sente particolarmente la mancanza. Ad esempio, sebbene sia attesa prossimamente, al momento manca quella di Amazon Prime Video. Non potevano invece mancare Netflix (c’è anche il tasto dedicato sul telecomando), Infinity, Mediaset Premium Play, Chili, YouTube, Vimeo e DailyMotion.

Tv Samsung Q9F

I nuovi televisori della serie Samsung Q9F sono pensati per chi non vuole scendere a compromessi in termini di qualità dell’immagine. Il principale punto di forza delle TV della linea QLED (Quantum dot Light-Emitting Diode) di Samsung è rappresentato dall’adozione della tecnologia Quantum dot, che rende i pannelli in grado di riprodurre oltre un miliardo di tonalità, per colori perfetti e sfumature realistiche. Due le versioni previste: da 65 e 88 pollici. I nuovi televisori QLED di Samsung si basano sulla tecnologia Quantum dot, che permette di riprodurre immagini con una qualità impensabile per i pannelli di vecchia generazione. Questo grazie all’impiego di piccole particelle come fonte di luce, che combinate tra loro riescono a creare oltre un miliardo di diversi colori e sfumature. Il risultato è realistico, con neri profondi e contrasti elevati, per un’esperienza di visione coinvolgente e fedele alle intenzione di chi ha prodotto i contenuti. Ed essendo privo di cadmio è anche eco-friendly. Unico neo: i televisori della linea Samsung Q9F non sono per tutte le tasche: il modello più piccolo (da 65 pollici) è in vendita a un prezzo che parte da 5.499 euro, mentre per quello più grande da 88 pollici si parte da 19.999 euro.

C’è un iPhone pieghevole nei progetti di Apple?

E’ ormai un po’ che si parla dell’avvento di un nuovo dispositivo pieghevole, e qualche azienda sta già da tempo esaminando questa possibile innovazione. Samsung, ad esempio, lavora a un device simile da anni e forse lo presenterà già entro la fine del 2018.   Stando però alle ultime indiscrezioni sulla più famosa azienda statunitense, pare che anche nei piani di Apple vi sia il rilascio di un iPhone con questa caratteristica, anche se con tempi più lunghi della casa concorrente. Contattata a riguardo, l’azienda californiana non ha fornito per ora alcun commento, ma sicuramente, se il progetto Samsung verrà realmente realizzato a così breve termine, Apple non vorrà restare a guardare.

Canon EOS M50

EOS M50  è la nuova mirrorless presentata da Canon. Le caratteristiche tecniche di questa nuova fotocamera sono decisamente interessanti: sensore con Dual Pixel AF CMOS da 24,1 megapixel, filmati 4K, processore di ultima generazione DIGIC 8, sensibilità fino a 25.600 ISO, raffica a 10 fotogrammi al secondo (7,4 con AF Servo attivato), filmati slow motion a 120 fps, jack per microfoni esterni, display articolato orientabile verso il frontale, connettività Bluetooth, NFC e Wi-Fi. Canon ha scelto questo modello per far debuttare il suo nuovo formato RAW CR3, che introduce anche un nuovo C-RAW compresso a 14bit più leggero. Il processore della Canon Eos M50 è la principale novità tecnologica di questa mirrorless, che unitamente al sensore CMOS garantisce ottime performance. La Canon Eos M50, in relazione al suo segmento di riferimento, e cioè il consumer, il foto amatore sempre “socialmente connesso”, risponde pienamente ai requisiti. Bella da vedere, tecnologicamente al passo con le innovazioni tecniche, leggera, piccola e maneggevole. E soprattutto ha tutto ciò che serve per connettersi e condividere immediatamente sui social foto o video. Il prezzo è un’altra delle caratteristiche positive della nuova Canon EOS M50: sarà infatti disponibile per l’acquisto a partire da aprile 2018 al prezzo suggerito al pubblico di 749,99 EURO nella versione kit con obiettivo stabilizzato EF-M 15-45mm f/3.5-6.3 IS STM.

Samsung Pay, da oggi in Italia

Samsung Pay è il primo servizio di pagamenti mobili per smartphone Galaxy ad arrivare nel nostro paese. Da oggi è ufficialmente disponibile anche in Italia. Lo potrete utilizzare se siete clienti di uno degli istituti bancari aderenti, ovvero e se avete carte di credito, debito e prepagate emesse da queste e su circuiti compatibili. Con questo nuovo metodo di pagamento, il numero della carta non compare mai nelle transazioni né viene memorizzato su dispositivo, e la protezione dei dati è affidata alla sicurezza di Samsung Knox. L’idea alla base del servizio è semplicemente quella di usare lo smartphone per pagare le nostre spese, laddove prima avremmo usato la carta. Primo passo per utilizzare il servizio è la registrazione sul sito Samsung, segue lo scarico dell’app di Samsung Pay dal Play Store. A questo punto il servizio vi guiderà automaticamente nell’aggiunta della vostra carta di credito. Una volta completata la registrazione della carta, Samsung Pay sarà pronto per essere utilizzato semplicemente avvicinando lo smartphone al POS di pagamento, ed autenticandovi tramite il metodo scelto (PIN, impronta o retina).

Sony a7 III

Sony ha svelato ufficialmente la A7 III, terza generazione della mirrorless Full Frame, con questo modello che presenta caratteristiche molto interessanti, ad un prezzo più contenuto rispetto ad altri prodotti della gamma Sony. A7 III viene fornita con la suite di software “Imaging Edge”, che offre tre applicazioni per PC scaricabili gratuitamente: “Remote”, “Viewer” ed “Edit”. Le app supportano la cattura di immagini in remoto con visualizzazione in diretta su PC e lo sviluppo RAW. Per nulla trascurato, come da tradizione, il reparto video, ovviamente 4K (con read-out 6K), che può contare su recenti innovazioni di cui nemmeno la A9 era ancora dotata, come S-Log 2/3 e Hybrid Log Gamma, per una ripresa 4K HDR “nativa” senza necessità di post-produzione. Lo slow motion Full HD arriva a 120 fps.   Il cuore della A7 III è un sensore BSI Exmor R CMOS full-frame di tipo “stacked” con risoluzione pari a 24,2 megapixel, associato con un chip LSI frontale che raddoppia la velocità di lettura del sensore. Il processore d’immagine è il BIONZ X, capace di garantire scatti continui fino a 10 fotogrammi al secondo (con tracking AF/AE) per un massimo di 177 immagini JPEG standard, 89 immagini RAW compresse o 40 immagini RAW non compresse, anche nella modalità silenziosa. A7 III sarà disponibile da aprile nelle seguenti versioni: solo corpo: 2.300 Euro; Kit con l’obiettivo SEL2870: 2.500 Euro. Inoltre, per chi effettuerà un pre-ordine, è prevista l’estensione di garanzia fino a 5 anni.

Joby Action Bike: il miglior supporto manubrio per Action Camera

Joby, marchio noto nel settore degli accessori per GoPro, ha realizzato il Joby Action Bike, cioè il miglior sistema di aggancio per Action Camera di questo tipo per 3 motivi fondamentali: il prezzo contenuto, la flessibilità di aggancio con 2 supporti in 1 e vite standard, e infine la qualità costruttiva. Il supporto è infatti realizzato in metallo, è robusto e nella confezione sono compresi alcuni adattatori in gomma per poter agganciare l’accessorio a praticamente tutte le dimensioni di manubrio disponibili. Il sistema di fissaggio e viti per stringere ogni aspetto del Joby è di elevata qualità e permette di serrare in maniera eccellente ogni elemento snodabile. Di conseguenza, la stabilità di Joby Action Bike è risultata perfetta: nessun movimento, nessuno spostamento o rotazione sul manubrio e un’aderenza veramente eccellente. Il supporto Joby è inoltre modulare, ovvero può essere ampliato e congiunto con altri accessori che si integrano perfettamente. Il prezzo di listino del prodotto sul sito ufficiale è di 75€.

Samsung Galaxy S9 ed S9+, stanno per arrivare

SamSui nuovi Galaxy S9 ed S9+ sono tante le conferme arrivate rispetto ai rumors che tanto sono circolati finora. Esteticamente parlando, soprattutto nella parte frontale, non ci sono novità. 5,8” per Galaxy S9, 6,2” per Galaxy S9+. Ed anche le cornici attorno al display, che dovevano essere ridotte, sembrano praticamente le stesse, almeno a giudicare dal render di apertura (che potrebbe non essere preciso al millimetro). Il concetto è che comunque, guardandoli davanti, non distinguerete facilmente gli S9 dagli S8. All’interno, ci sarà una CPU Qualcomm Snapdragon 845 in USA e Cina, ed una Samsung Exynos 9810 nel resto del mondo. Ci sarà però una differenza sostanziale: 6 GB di RAM con 128 GB di memoria interna per Galaxy S9+, contro 4 GB / 64 GB per Galaxy S9. E le differenze non finiscono qui. Sul retro avremo infatti una sola fotocamera per Galaxy S9, mentre su Galaxy S9+ troveranno spazio due sensori posteriori. Indipendentemente da questo, il sensore principale dei due smartphone sarà da 12 megapixel con apertura variabile tra f/1.5 ed f/2.4. S9+ avrà inoltre un secondo sensore, sempre da 12 megapixel ma con apertura non variabile. Per quella frontale: una 8 megapixel che non dovrebbe vedere novità sostanziali rispetto a quella già impiegata su S8. Per quanto riguarda la disponibilità sul mercato, come riportato anche nei render in apertura, Galaxy S9 e Galaxy S9+ dovrebbero essere disponibili dal 16 marzo, anche se la data potrebbe non essere proprio la medesima in tutto il mondo.

HTC U11 Plus

htc-u11-plusHTC U11Plus è il nuovo device top di gamma dell’azienda taiwanese e avrà dimensioni molto simili a quelle di U11, pur presentando dei lievi incrementi su ognuno dei tre assi, quindi altezza, larghezza e spessore. Il sistema operativo sarà Android 8.0 Oreo, integrerà un processore Snapdragon 835 ed avrà un display LCD da 6 pollici con risoluzione WQHD+ ed una densità di 538ppi, una fotocamera posteriore da 12 megapixel con apertura f/1.7, una anteriore da 8 megapixel, una batteria da 3930mAh con ricarica rapida QC3, resistenza ad acqua e polvere con certificazione IP68 e doppio speaker stereo BoomSound. Le dimensioni sono di 153.99×75.99×9.2 mm per 170 grammi di peso. Le versioni disponibili saranno due: una con 4GB di RAM e 64GB di memoria integrata espandibile ed una con 6GB di RAM e 128GB di memoria. In linea dunque con i rumor precedenti, HTC U11 Plus cercherà di recuperare il terreno perso nell’affollato panorama degli smartphone con display allungato e cornici ridotte al minimo.